Archivio

28.11.19
..
Centro culturale - Museo Elisarion

Marco Zappa - Premio Svizzero di Musica 2019

giovedì 28 novembre

ore 20.30

 

Marco Zappa

"IlVentoSoffia...Ancora"

 

CanzoniDiUnaVita. UnaVitaDiCanzoni


Entrata  Fr 15.- / Fr 10.- / gratis < 16

 

Il narratore ha un dovere artistico e morale, il rigore, e un altro di tipo giornalis­tico, la certezza delle fonti, manipolabili solamente nella forma e per puro dovere di poesia. Quanto alla rigorosità, tutto è credibile nel Marco Zappa che affronta il prog nel primo album Change (1975), che 10 anni più tardi, in Rockart, lascia suonare i computer in orario con la storia. Tornerà poi alla musica acustica, nonostante a volte mascherata, a quei suoni naturali che costi­ tuiscono la sua, e la nostra, certezza delle fonti.

Al narratore si deve un’ulteriore qualità, una sorta di preveggenza che viene dal non essersi negato nulla nella musica ascoltata e vissuta, esportata e importata, senza limitazioni di forma, formazioni e durata. È un anticipo sui tempi anche a livellodi contenuti, come l’avere parlato di ponti e barriere, musicali e umane, assai prima dell’ultimo album PuntEBarrier (2017): nessun ponte e nessuna barriera, dal pop alla classica, alla quale Zappa ha lasciato una doppia eredità, i figli Daria e Mattia.

Così, a riguardare col senno di poi cinquant’anni suonati (e cantati) di carriera, si prova più stupore

che nostalgia. Nei microcosmi delle storie di Zappa s’intrec­ciano esperienze, lingue, strumenti: dal ticinese allo schwizerdütsch, dall’inglese all’italiano, accompagnati da una chitarra, un bouzouki greco o da un liuto albanese. Un’opera nella quale confluiscono gli amori e le speranze di una vita. Che poi, scava scava, sono anche i nostri.

 

—  Beppe Donadio, Lorenzo Erroi


24.11.19
..
Centro culturale - Museo Elisarion

Ottavio Palmieri - Giovanni Brollo

Domenica 24 novembre

ore 17.00

 

Ottavio Palmieri


Giovanni Brollo


Entrata  Fr 15.- / Fr 10.- / gratis < 16

 

Ottavio Palmieri inizia lo studio della musica e del canto lirico nel 1993 con il noto baritono Carlo Meliciani. Da allora è stato un susseguirsi di concerti e successi.Citiamo

quale esempio l’esecuzione in prima mondiale de La Messa da requiem di Ruggero

Leoncavallo ricostruita attraverso i frammenti da Jòszef Acs.

 

Giovanni Brollo Il suo esordio come pianista risale al 1987 nella Sala Verdi di Milano

con i 24 Studi di Chopin e con l’Orchestra della Rai il terzo concerto di Rachmaninov.

L’incontro con Ottavio Palmieri, che dura da anni, ha loro permesso di realizzare centinaia di concerti in tutta Europa.

 

In programma musiche di F.P. Tosti, R. Leoncavallo, F. Cilea, G. Verdi

16.11.19
..
Centro culturale - Museo Elisarion

Rossano Baldini

Sabato 16 novembre

ore 20.30

 

Rossano Baldinibercandeon solo

 

 

Entrata Fr 15.- / Fr 10.- / gratis < 16

Riservazione consigliata

 

Tra le numerose sfide che nella propria carriera incontra un musicista, una di queste è rappresentata dal suonare strumenti di nuova invenzione, inusuali o poco diffusi.

Rossano Baldini, compositore e musicista attivo soprattutto nel campo delle colonne sonore (tra le altre cose, è il tastierista del compositore premio Oscar Nicola Piovani), nell'estate del 2017 ha sentito parlare per la prima volta del bercandeon grazie all'amico pianista Paolo Paliaga.

L'interessamento sempre più approfondito ha portato, in seguito, al naturale incontro con il suo inventore, lo svizzero italiano Fiorenzo Bernasconi.

 

Cos'è il bercandeon? A prima vista potrebbe sembrare una fisarmonica con qualcosa di particolare. In effetti, appartiene alla stessa famiglia degli strumenti aerofoni ad ancia libera, ma con una differenza fondamentale: il bercandeon possiede due tastiere diatoniche (per intenderci, due tastiere simili a quelle del pianoforte), perfettamente simmetriche tra loro sia alla mano destra che alla sinistra.

Per un fisarmonicista questa è una differenza capillare: entrambe la mani possono muoversi liberamente su due tastiere e l'aria necessaria per emettere il suono va azionata con un movimento laterale delle gambe. Quest'ultimo aspetto in particolare è qualcosa di veramente inedito tra gli strumenti ad ancia. Come tutti sanno, sulla fisarmonica così come sul bandoneon argentino, sono le mani, legate ad una cinghia, ad azionanare l'aria necessaria per l'emissione sonora. Bernasconi ha, letteralmente, "liberato" le mani del fisarmonicista.

 

L'artista romano, nel suo BERCANDEON SOLO, porta in scena un racconto di musica e parole spaziando tra brani di Piovani, Chick Corea, Piazzolla, Quincy Jones, Bach, e proprie composizioni originali.

 
09.11.19
..
Centro culturale - Museo Elisarion

Leonardo e il Ticino: documenti ed evidenze

Sabato 9 novembre

Ulteriori informazioni seguiranno

 

 

Il Centro culturale e museo Elisarion, in collaborazione con l’Associazione Cristiano Castelletti invita alla conferenza


Leonardo e il Ticino: documenti ed evidenze

 

Entrata libera

 

12.10.19
..
Centro culturale - Museo Elisarion

Conte Ugolino - XXXIII Canto

Sabato 12 ottobre

ore 20.300

 

Conte Ugolino - XXXIII Canto

con Lorenzo Bastida e Kerem Brera al violoncello

 

Entrata libera

 

 

Il conte Ugolino della Gherardesca racconta la storia pietosa della sua morte;

Alberigo dei Manfredi e Branca d’Oria la ribaltano.

Ecco per sommi capi il canto 33 dell’inferno di Dante Alighieri che ci racconterà e ci

leggerà Lorenzo Bastida accompagnato dal violoncello di Kerem Brera.

Verranno proiettate durante la performance, litografie di Edgardo Cattori tratte dalla

cartella stampata nel 1985 da Stamperia Antiqua con la versione in dialetto Cavergnese

de “Lu cont Ugolin” di Emilio Zanini.

 

In collaborazione con Società Dante Alighieri - Locarno

29.09.19
..
Centro culturale - Museo Elisarion

La celesta, questa sconosciuta

Domenica 29 settembre

ore 17.00

 

La celesta, questa sconosciuta

Omaggio a Luciano Sgrizzi

 

Entrata Fr 15.- / Fr 10.- / gratis < 16

Riservazione consigliata

 

 

Solista alla celesta il pianista Davide Macaluso, in collaborazione con il Quartetto d’archi Intime VociYuta Takase (primo violino del Pacific Quartet Vienna, in gentile sostituzione di Ekaterina Valiulina), Maria Grazia Corino (violino), Bianca Marin (viola), Nicola Tallone (violoncello); quasi tutti musicisti diplomati al Conservatorio della Svizzera Italiana.

 

Correva l’anno 1978 e durante l’ascolto di Radio Monteceneri per la regia di Lucienne Rosset, di un breve brano musicale di Riccardo Pick-Mangiagalli dal sinuoso titolo de La Pendule Harmonieuse, ebbi occasione di scoprire un mondo musicale del tutto singolare: la versione per celesta e orchestra d’archi dello stesso compositore italo boemo. Solista, per l’occasione, il Maestro Luciano Sgrizzi, indimenticato clavicembalista eccelso, nonché pianista stabile della RSI dal 1947 al 1974.

Un’esecuzione assolutamente calibrata con fortissima tinta dinamica e accenti ritmici di rara perfezione, rimasta negli annali e armoniosi ricordi di chi ha avuto, allora, la fortuna di ascoltarla.

Ricorderemo, con la nostra riproposta, il Maestro Sgrizzi a venticinque anni dalla scomparsa.

 

Uno strumento la celesta, questa sconosciuta diremmo oggi, quasi del tutto anacronistica e sensibilmente poco espressiva, secondo taluni detrattori. Introdotta per la prima volta in orchestra nel balletto Lo schiaccianoci di Pëtr Il’ic Caikovskij, nella universalmente nota Danza della fata confetto che avremo il piacere di ascoltare a conclusione di programma.

Testo di Riccardo Tiraboschi, membro Commissione culturale del Comune di Minusio

 

In collaborazione con Rete2

 
21.08.19
..
Centro anziani Casa Rea

Grigliata parenti

Abbiamo il piacere di invitare tutti i parenti e le persone di riferimento dei nostri ospiti ad una grigliata mercoledì 21 agosto 2019 alle ore 11:30 presso il Centro anziani Casa Rea di Minusio.

 

Volantino Grigliata

13.06.19
..
Centro anziani Casa Rea

Vernissage mostra di Tiziano Petruzzi

Abbiamo il piacere di esporre i quadri del pittore Tiziano Petruzzi.

 

Il Vernissage si terrà giovedì 13 giugno 2019  dalle ore 17:00 presso il Centro anziani Casa Rea di Minusio, segue aperitivo offerto.

 

Volantino Vernissage

13.02.13
28.04.13
..
Centro culturale - Museo Elisarion

Programma inverno - primavera 2013

Programma inverno - primavera 2013



..
Lugano

Evento Agorà

Il Centro anziani Casa Rea parteciperà all'evento Agorà promosso da ADICASI (Associazione dei direttori dell Casa per anziani della Svizzera Italiana) che si terrà il:

 

Venerdì 3 e sabato 4 maggio 2019 al Palazzo dei Congressi a Lugano.

 

Siete gentilmente invitati a venire a trovarci.

 

Maggiori informazioni al seguente indirizzo:

 

http://www.adicasi.ch/eventoagora2019/

 

 

Indirizzo

Via San Gottardo 60
6648 Minusio

Contatto

tel. +41 91 735 81 81
fax +41 91 743 12 89
cancelleria@minusio.ch

Orari di sportello

Segretario comunale
avv. Ugo Donati

Orari di sportello:
da lunedì a venerdì
09:00 - 11:30
14:00 - 16:00

Aiuto

Non hai trovato le informazioni che
stai cercando? Contatta la cancelleria

Richiedi informazioni